Salvietta150x40 - Una Web Developer, Blogger, Creative Thinker, Social media enthusiast, expat italiana a Palma di Mallorca, co-fondatrice di @manoweb ed ora mamma

martedì, marzo 30, 2010

martedì, marzo 30, 2010
6
Quando hai un padre abruzzese, precisamente del teramano, ed una madre sarda, cresci con un cultura culinaria da far invidia a Ferran Adriá, soprattutto se entrambi i genitori sono appassionati di cucina.
Cosí tra i maccheroni alla chitarra, i ravioli ripieni di ricotta con zucchero e cannella, le virtú, gli arrosticini, la Pizza di Pasqua, l'agnello cacio e ovo, i malloreddus, le seadas, pane carasau, il sartizzu, la pecora in cappotto, il maialino, raggiuntii 9 anni, non puoi che cimentarti nella preparazione delle scrippelle.

Per 2 persone

* 2 uova
* 2 cucchiai di farina
* 2 tazzine d'acqua
* 1 cucchiaio di olio
* un pizzico di sale

Sbattere in una terrina le uova, incorporare lentamente la farina fino ad avere un impasto omogeneo e diluire il tutto con l´acqua.

Ungere una padella (larga circa 25 cm) con un pezzo di lardo o dell'olio e lasciar riscaldare bene.
Versare mezzo coppino dell'impasto; si otterrà , a fuoco basso, una scrippella molto sottile, quasi trasparente (altrimenti ridurre la quantità ); rigirare a metà cottura con movimento plastico del polso 'oplá' o in mancanza
di tale abilitá, onde non ritrovare la scrippella spiaccicata in siti reconditi, usare a) un piatto b) un'altra padella (metodo Holy) c) le dita (per chi ha le mani d'amianto).
Ripetere l'operazione fino ad esaurimento dell'impasto.


Ora, tradizione vuole che tale pietanza, sia ottima gustata con brodo di gallina, le famose
'scrippelle mbusse', sottoforma di timballo, un cuscino enorme farcito con di tutto di piú, o
simil-cannelloni.

La Salvietta e Holy che sono pigri e maiali dentro (vaiii, picco delle visite al blog), hanno pensato bene di svuotare il frigorifero, apparecchiare la tavola con mille mila pietanze, il piatto delle scrippelle e un vinello rosso, per poi cominciare l'operazione 'ingozzo scrippellozzo'.
Che poi se avete nutella, marmellata o miele, avete risolto anche il problema dolce.

La prossima volta o scrippelle mbusse o timballo....

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

6 commenti:

  1. oddio che meravigliaaaaaaaaaaaaaaaaa, non le conoscevo ma sembrano fantastiche!!

    RispondiElimina
  2. eh, son proprio buone! Soprattutto versatili:-)))

    RispondiElimina
  3. DILLO che io c'ho messo la mortadella e le alici!!! E poi in bel post sugli strozzapreti??? Eh EH??

    RispondiElimina
  4. Il post sugli strozzapreti arriverá. Con tanto di foto:-))

    RispondiElimina
  5. oh, che nostalgia di casa!!!!!

    RispondiElimina
  6. dai, che la cucina ci avvicina parecchio:-)

    RispondiElimina

Criticate,rimproverate,censurate la Salvietta